GOLPE ISTITUZIONALE CONTINUO — SI FA’ COSI’ e BASTA

QUI AD AGROPOLI LE RIFORME ISTITUZIONALI LE SANCISCE SOLO LA MAGGIORANZA E SENZA ALTRE FORMALITA’ …. E NON SI DEVE NEMMENO PENSARE DI DISCUTERLE .

Lo STATUTO del comune di Agropoli
ISTITUZIONALIZZA il DIRITTO dei consiglieri comunali ad OTTENERE ogni informazione sulle questioni sottoposte all’organo consiliare attraverso la CONFERENZA DEI CAPIGRUPPO (art. 29).
PREVEDE l’istituzione (obbligatoria e non facoltativa) della CONFERENZA dei capigruppo finalizzata a rispondere alle finalità generali indicate dal precitato art. 29 (art. 30).
Il Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale di Agropoli :
stabilisce che la CONFERENZA dei capigruppo (istituzionalizzata dallo Statuto) è organismo consultivo del presidente del Consiglio comunale e concorre a definire la programmazione per il proficuo andamento dell’attività dello stesso consiglio. (art. 8) .
L’organo consultivo che consegue il DIRITTO dei consiglieri DEVE essere obbligatoriamente convocato e consultato prima di definire ogni programmazione del Consiglio comunale.
Quindi è sacrosanto DIRITTO dei consiglieri comunali, rappresentati dal relativo capogruppo, pretendere la convocazione della conferenza dei capigruppo per definire la programmazione del Consiglio.
Per quanto sopra e Visto la continua e perpetrata inadempienza istituzionale CHIEDO al Segretario generale del Comune di Agropoli di intervenire anche tramite interessamento di S.E. il Prefetto di Salerno e DENUNCIO all’attenzione dello stesso Segretario , e ad ogni migliore effetto di legge , la grave situazione politico-istituzionale creatasi per la già convocata riunione consiliare del 29/07/2016 e che da tempo pervade tale politica consiliare di AGROPOLI.
Agropoli 20/07/2016
Agostino Abate – capogruppo consiliare del Gruppo Misto –

MOVIDA IN PIAZZA DELLE MERCANZIE

Al fine di rendere noto l’intero contenuto della nostra richiesta di intervento sullo stato d’uso di Piazza delle Mercanzie , finalizzata soprattutto alla permanenza della movida ma di quella in buono stato di salute , pubblico la lettera in modo integrale .
Chiunque , a meno di qualche miserabile , voluto e mirato intervento denigratorio potrà rendersi conto di quanto effettivamente segnalato e quanto effettivamente richiesto.
Nessuno ha condannato la vita notturna sana e divertente ma è stata solo condannata la maleducazione e l’abuso ed è stato richiesto un maggior presidio di legalità e dell’ordine pubblico e ciò proprio per promuovere la cosiddetta “movida” responsabile .
Con tanta stima
Agostino Abate – consigliere comunale
Per leggere la comunicazione trasmessa alle varie autorità responsabili del controllo CLICCARE QUI