MALAGENIA PURO NEPOTISMO

Il risultato della scellerata sentenza del TAR che ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata dai proprietari dei terreni confinanti è quello di complicità della politica nepotistica di questa Amministrazione comunale.
Con l’acquisizione di quel suolo , spaccato in due da una importante condotta idrica ad alta pressione , e con il progetto di isola ecologica in cui verrà trasferita TUTTA la consistenza dei rifiuti solidi urbani della città , l’Amministrazione comunale di Agropoli ed i suoi complici hanno di FATTO raggiunto un sol scopo e cioè : elargire al proprietario una somma considerevole e sproporzionata ed impoverire miserabilmente le legittime speranze dei proprietari confinanti che , grazie ai sudori dei loro genitori , detenevano un terreno di discreto valore economico .
Infatti non ci sono altre motivazioni valide e ragionevoli per portare in quel sito ed in quella località la munnezza raccolta ad Agropoli e poi ritornare indietro per trasferirla alla discarica autorizzata.
Sia l’Amministrazione comunale con i suoi complici e sia il TAR hanno coscientemente disatteso tutte le prescrizioni del PUC che pochi mesi prima il comune di Agropoli aveva frettolosamente adottato.
Attendiamo ora il prosieguo urbanistico edilizio del progetto e per la cui realizzazione necessita di ulteriori pareri e di ulteriori adempimenti e fra questi il permesso di costruire e/o la validazione di legge.
Siamo curiosi di raccogliere le conclusioni del provvedimento edilizio e/o di legge necessario per l’esecuzione e che riguardano un sito che, insieme a quelli di tanti altri comuni proprietari , ricade in un comparto che dal mese di aprile 2017 richiede la preventiva redazione di un PUA (Piano Urbanistico Attuativo) che notoriamente può essere redatto solo dopo la definitiva approvazione del PUC (Piano Urbanistico Comunale).
Nel frattempo verrà interessato il Consiglio di Stato e non solo.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/agost448/public_html/wp-includes/class-wp-comment-query.php on line 405

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *