CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 LUGLIO 2015 CON PAROLE IN LIBERTA’

Quando gli arroganti ed i presuntuosi si rendono conto che su di un argomento in discussione l’altro interlocutore ha ragione da vendere (sia nella sostanza che nella forma) allora tentano di prendere il sopravvento deviando l’attenzione sull’aspetto opposto dello stesso argomento e facendo così apparire lo stesso interlocutore come tedioso ed inopportuno.
E’ una tecnica che i cosiddetti politici tentano di adottare spesso ed in gruppo ma purtroppo non sempre ritrovano ascoltatori solo a loro fedeli ed in tal caso sono costretti a subire e più subiscono e più tentano di aggregarsi per poter intimorire o soggezionare.
GUARDATEVI ED ASCOLTATE IL VIDEO-AUDIO CHE RIPRODUCE LA REGISTRAZIONE DELLA SEDUTA DI CONSIGLIO COMUNALE DEL 20 LUGLIO 2012 E VI RENDERETE CONTO DI QUANTO HO DETTO .
Alla fine di questa pubblicazione troverete l’indirizzo per collegarVi al video.

Se siete però impegnati e vorrete dedicare meno tempo all’ascolto allora Vi indico e Vi trascrivo le fasi più salienti precedute da questo breve riassunto :
Alle ore 9:00 di lunedì 20 luglio si è tenuto il Consiglio comunale in cui era all’ordine del giorno la delibera di riaccertamento straordinario dei residui.
E’ agevole rilevare dallo stralcio della delibera ALLEGATA ALLA FINE DI QUESTA PUBBLICAZIONE che :
• tutta la sostanza del riaccertamento straordinario è contenuta nella delibera di Giunta Comunale n. 207 del 05/06/2015 (leggete a fianco della nota 1)
• tale rideterminazione ha portato all’accertamento di un disavanzo di amministrazione di € 7.817.280,02 (leggete a fianco della nota 2)
• il piano di finanziamento di tale disavanzo è a carico dei bilanci dei prossimi trenta anni (30 rate annuali) (leggete a fianco della nota 3).

Io personalmente VI DICO , ASSUMENDOMI OGNI RESPONSABILITA’, che la delibera di Giunta Comunale n. 207 del 05/06/2015 è stata pubblicata all’albo pretorio comunale on-line SOLO NELLA GIORNATA DI VENERDI 17 LUGLIO 2015 (e cioè 42 GIORNI DOPO CHE SI ASSUME AVERLA APPROVATA E RESA ESECUTIVA) . ALLA DELIBERA IN PUBBLICAZIONE NON C’ERA E NON C’E’ ALCUN ALLEGATO PERCHE’ GLI STESSI SONO DEPOSITATI MATERIALMENTE IN SEGRETERIA COMUNALE.
Su tale mia contestazione il Sindaco e qualche consigliere comunale (li individuerete dal video) hanno dato inizio alle loro offensive difese .
Prima di continuare mi piace però ricordare che tutto il mio intervento è stato sempre rivolto contro la presidenza del Consiglio Comunale che non aveva saputo esercitare alcun controllo per la tutela dei miei diritti di Consigliere comunale. D’altronde io ho abbandonato l’aula prima di entrare nel merito della deliberazione in discussione.
EPPURE HA RISPOSTO IL SINDACO (mai da me chiamato ad interloquire) e qualche consigliere comunale che è sempre infastidito da ogni mio intervento.

Dal minuto 28,58 al minuto 30,34
Troverete le motivazioni della mia contestazione

Dal minuto 32,30 al minuto 34,54
Ho riferito che già conosco cosa diranno dopo la mia uscita dall’aula e che cioè è tutto un calcolo automatico che devono compiere i responsabili economici dell’Ente ma ho riferito anche che io non ho motivo di avere dubbi su tale procedura ma voglio esercitare il mio diritto di controllo politico su tali atti. Ho poi anche riferito che il mio intervento era volutamente impostato a monologo e non a dialogo proprio perché non intendo avere dialogo con tutti coloro che, amministrando il bene comune, sottraggono all’altra parte ogni legittima conoscenza nei tempi giusti e regolamentari.

Dal minuto 44,30 al minuto 48,50 e cioè dopo la mia uscita dall’aula
E’ intervenuto il Sindaco che ha parlato — di automatismo nel calcolo dei responsabili — di studio degli atti (intendendo come meraviglia un mio eventuale esame degli atti) — di pubblicazione sui blog (ovviamente riferendosi al mio) – di non accettare che si potesse misurare con la clessidra il tempo che si mette a disposizione per la visione degli atti – che c’ è una amministrazione che adempie e che c’è un limite alle opinioni ed alle critiche ———– E CHE POI TUTTO DIPENDE DA UNO DOVE SI SIEDE

A tutte queste farneticazioni di onnipotenza rispondo subito :
• Nel corso dell’intervento Non ho mai parlato nel merito della deliberazione e tanto meno ho accusato il Sindaco di qualcosa e tanto meno ho richiesto Sue valutazioni sui miei comportamenti o sulle mie opinioni o sulle mie legittime critiche e se tali non sono certamente non spetta a Lui una valutazione di legittimità . La mia voce di opposizione la eserciterò sempre e soprattutto senza timori e/o riverenze e penso di averla esercitata fino ad oggi sempre con dignità e deontologia e prendo atto che da oggi mi hanno ricordato che non è il caso di usare tale deontologia. Non faccio minacce ma neanche le accetto.

• Per quanto riguarda infine il posto in cui UNO SI SIEDE rispondo :se non ci sediamo più dalla stessa parte vuol dire che uno di noi due ha fatto una scelta e cioè quella di separare le sedute . Vuole la paternità di PRIMA SCELTA ? Se la prenda pure ! Non vuole tale paternità ? Allora me la prendo IO ! FATTO è che non sediamo più dalla stessa parte !

Dal minuto 50,34 al minuto 51,13

E’ intervenuto un consigliere , mentre un altro si esagitava , che ha riferito di messaggio subliminale e di “parole in libertà”
A costui che ha inteso offendere , rispondo : “generalmente ai cervelli in ottusità ogni intervento appare sempre come parole in libertà.”
Vi ricordo che nell’intervento da me effettuato e consegnato alla Segretaria comunale per inserirlo in delibera vi è scritto in modo chiaro e preciso che :
“ascolterò le risposte tramite gli atti ufficiali che saranno prodotti e/o tramite la stampa e poi risponderò adeguatamente con gli stessi mezzi .”
Come ben vedete ancora una volta , certamente l’ultima , mi ero reso disponibile per una correttezza .
Appena mi consegneranno le copie ufficiali degli atti richiesti , Vi informerò anche nel merito di questa deliberazione e certamente non addosserò le motivazioni di questo disavanzo tecnico di amministrazione ai cittadini che non pagano le tasse. (GUARDATE ED ASCOLTATE IL VIDEO).
Con tanta stima
Agostino Abate – consigliere comunale –
PER GUARDARE IL VIDEO CLICCARE QUI
PER LEGGERE LO STRALCIO DELLA DELIBERA CLICCARE QUI
PER LEGGERE LA MIA DICHIARAZIONE CONSEGNATA ALL’UFFICIO SEGRETERIA CLICCARE QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *